fbpx
MENU

Orgoglio discreto della Val di Scalve

Nella splendida cornice della Val di Scalve, una valle con un passato orgoglioso e di forte indipendenza, il signor Alberto del 1937 apre negli anni ‘70 la sua falegnameria.

In quei luoghi vi sono abitanti tosti, fieri e disposti geneticamente al sacrificio e al lavoro duro.

 

Apprendista a 12 anni, il signor Alberto si reca ogni mattina ad Azzone per imparare il mestiere e vi rimane fino a 20 anni senza essere mai pagato, il suo compenso era quello di apprendere il lavoro del falegname.

In seguito, decide di migliorare la propria esperienza in Brianza ma il forte sentimento che lo lega alla sua terra, al suo paesino, ai suoi monti lo induce con molto coraggio a lasciare tutto e ad aprire un piccolo laboratorio. Il signor Alberto non ha inizialmente clienti e sicurezze e nel contempo decide di acquistare casa e di sposarsi. I debiti aumentano e la moglie ricorda ancora le notti passate insonni in cui si chiedeva come avrebbero potuto continuare.

 

Il signor Alberto non demorde e con la sua competenza, la sua passione, la sua onestà e i suoi sacrifici, piano piano, crea una clientela e insegna ai suoi tre figli il mestiere del falegname.

Oggi l’intera famiglia abita in Valle e lavora nella falegnameria del papà che, nonostante fatichi da una vita, ogni mattina si presenta nel suo laboratorio per restaurare vecchie porte, sedie, armadi o per creare nuovi magnifici prodotti da splendidi pezzi di legno.

Il signor Alberto è un artista, è un’anima in continuo fermento creativo che sa apprezzare le cose belle e fatte a mano. L’esperienza gli permette di percepire la vera essenza di ogni legno, il suo profumo, i singoli nodi.

Il mestiere del falegname rappresenta, secondo noi, la bellezza di un lavoro che sa forgiare da una meravigliosa materia prima prodotti eterni pieni di magia!

Ecco qui, la storia incredibile di uno dei nostri esperti e unici artigiani.